Gabriel García Márquez

GARCIA

MORTE….Lei gli domandò in quei giorni se era vero, come dicevano le canzoni, che l’amore poteva tutto. – È vero – le rispose lui – ma farai bene a non crederci. »

Qualsiasi cosa sua le provocava il pianto: il pigiama sotto il guanciale, le pantofole che le erano sempre sembrate da infermo,

il ricordo della sua immagine che si spogliava in fondo allo specchio mentre lei si pettinava per coricarsi,

l’odore della sua pelle che avrebbe persistito sulla sua a lungo dopo la morte. Si fermava a metà di qualsiasi cosa stesse facendo e si dava un colpo con la mano sulla fronte,

perché all’improvviso ricordava qualcosa che aveva dimenticato di dirgli.

Le venivano in mente di continuo le tante domande quotidiane a cui solo lui avrebbe potuto rispondere.

Una volta lui le aveva detto una cosa che lei non riusciva a concepire: gli amputati sentono dolori, crampi, solletico, alla gamba che non hanno più.

Così si sentiva lei senza di lui, sentendolo dove non c’era più.

Gabriel García Márquez

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *