ALDO FABRIZI

Nel 1964, Aldo Fabrizi venne definito dai critici americani ‘a comic genius’, dopo aver indossato sui palcoscenici di Broadway il costume di Mastro Titta, il boia di Rugantino, commedia musicale di Garinei e Giovannini. Una grande soddisfazione, anche per un artista abituato agli applausi come lui, che trent’anni prima, in Italia, aveva divertito le platee dell’avanspettacolo esibendosi in un tango intitolato Tullulù non mi ami più. Nato a Roma, il 1° novembre 1905, dalla seconda metà degli anni ’30 comincia a farsi strada nel varietà diventando presto una delle vedettes più popolari del teatro di rivista. E’ già celebre quando nel 1942 debutta nel cinema con Avanti c’è posto (Mario Bonnard), dove prende in prestito il personaggio di un suo sketch per vestire la divisa di un bigliettaio dal cuore d’oro, sfortunato in amore. Quando fa il pescivendolo a Campo de’ Fiori (Mario Bonnard, 1943) non riesce a conquistare un’elegante signora (Caterina Boratto) e deve accontentarsi di una fruttivendola temperamentosa (Anna Magnani). Particolarmente convincente anche nei ruoli drammatici, rimane molto deluso di non ricevere neppure uno dei tanti premi assegnati a Roma città aperta (Roberto Rossellini, 1945), malgrado la toccante interpretazione di Don Pietro, il prete fucilato dai tedeschi. In compenso ne riceverà diversi nel corso della carriera. Due Nastri d’argento, come attore protagonista per Prima comunione (Alessandro Blasetti, 1950) e come attore nonprotagonista per C’eravamo tanto amati (Ettore Scola, 1975). Anche in veste di co-sceneggiatore viene premiato (al Festival di Cannes) per Guardie e ladri (Steno, 1951), uno dei numerosi film che gira con Totò. Considerato nell’ambiente del cinema un tipo difficile, un divo che non risparmia critiche verso colleghi e registi, nutre per Totò un’incondizionata stima e un profondo affetto, tanto che arriva a chiedergli scusa dopo un diverbio avvenuto durante le riprese di Una di quelle, da lui stesso diretto nel 1953.
Fa anche un’eccezione per Alberto Lattuada, che riesce a tenerlo a bada sul set di Il delitto di Giovanni Episcopo(1947), una delle sue prove drammatiche più riuscite. Negli anni ’50 passa dietro la macchina da presa ottenendo un grande successo con la serie-commedia de La famiglia Passaguai (1951), ma anche con il commovente Il maestro(1958). Negli anni ’60 prosegue un’intensa attività cinematografica e compare spesso in televisione, magari come ospite d’eccezione che,in onore dei bei tempi andati, dedica madrigali in romanesco al fido cavallo de L’ultima carrozzella (Mario Mattoli, 1943). Dopo essersi unito al coro di Roma nun fa la stupida stasera, nel 1973 continua a canticchiare sulle note di Armando Trovajoli in Tosca (Luigi Magni) e qualche anno più tardi, sempre accompagnato dalle sue musiche, subisce i colpi di un astuto genero, Gianni-Vittorio Gassman di C’eravamo tanto amati (Ettore Scola). Rimasto vedovo dell’amata moglie, Beatrice Rocchi, più nota nel mondo della musica leggera con il nome d’arte di Reginella, nel 1985 torna sul grande schermo con Giovanni Senza pensieri (Marco Colli). Prima di morire il 2 aprile del 1990 fa in tempo a ricevere un David di Donatello alla carriera.

 

 

 

 

Chi sarà stato?

Aldo Fabrizi

Ho letto cento libri de cucina.
de storia, d’arte, e nun ce nè uno solo
che citi co’ la Pasta er Pastarolo
che unì pe’ primo l’acqua e la farina.

Credevo fosse una creazione latina,
invece poi, m’ha detto l’orzarolo,
che l’ha portata a Roma Marco Polo
un giorno che tornava dalla Cina.

Pe’ me st’affare de la Cina è strano,
chissà se fu inventata da un cinese
o la venneva là un napoletano.

Sapessimo chi è, sia pure tardi,
bisognerebbe faje… a ‘gni paese
più monumenti a lui che a Garibardi.

 

Che cosa?

Aldo Fabrizi

E’ un’Opera d’ingegno e fantasia,
una grazia de Dio che s’assapora:
l’unico tranquillante che rincora
sia er popolino che la borghesia.

E’ un sole in panza, e’ Mamma caloria
che tira su chi sciopera e lavora, e’ l’unico miracolo che ancora
po’ uni’ mezz’ora ar giorno ‘na famija.

Quanno m’ariva sopra ar tavolino,
er core me comincia a sartella’, felice de sentissela vicino:

e mentre resto un attimo incantato…
si penso a quello che diventera’,
me pare de commette un gran peccato.
E’ un’Opera d’ingegno e fantasia,
una grazia de Dio che s’assapora:
l’unico tranquillante che rincora
sia er popolino che la borghesia.

E’ un sole in panza, e’ Mamma caloria
che tira su chi sciopera e lavora,
e’ l’unico miracolo che ancora
po’ uni’ mezz’ora ar giorno ‘na famija.

Quanno m’ariva sopra ar tavolino,
er core me comincia a sartella’,
felice de sentissela vicino:

e mentre resto un attimo incantato… si penso a quello che diventera’, me pare de commette un gran peccato.

 

E’ bello ave’ ‘na donna dentro casa

Aldo Fabrizi

E’ bello ave’ ‘na donna dentro casa,
‘na rondine ‘ndifesa
c’hai preso sott’ar tetto.
Magari fa la cresta su la spesa
ma, poi, te da ‘n bacetto.
E il bacio coniugale
è come ‘n’anticammera amorosa
‘Na donna dentro casa è ‘n’antra cosa!

E’ bello ave’ ‘na donna che sparecchi
ma lascia er bocaletto
accanto a du’ bicchieri,
pe’ fasse ‘nsieme l’urtimo goccetto
che scaccia li pensieri.
Perchè si bbevi solo
è come si bevessi… acqua ‘cetosa
‘na donna dentro casa è ‘n’antra cosa!

E’ bello ave’ ‘na donna dentr’ar letto
che quanno che se mòve
te da un calore umano.
‘e si pe’ caso poi ‘na notte piove
la svegli piano piano,
pe’ dije: “Aho….. cicicici, tztztztz
…… sta piovendo! …..Che vogliamo fare?!”
E lei te s’arrinnicchia freddolosa
‘na donna dentro casa è ‘n’antra cosa!

Er medico m’ha detto

Aldo Fabrizi

Commenda caro, è duopo che lo dica
ma l’italiano, escluso il proletario,
pappa tre volte più del necessario,
sottoponendo il cuore a ‘na fatica.

Di fame, creda, non si muore mica,
piuttosto accade tutto l’incontrario,
e chi vol diventare centenario
deve evità perfino la mollica.

Perciò m’ascolti, segua il mio dettame;
io quando siedo a tavola non m’empio
e m’alzo sempre avendo ancora fame!

Embè quanno che ar medico ce credi,
bisogna daje retta: mò, presempio,
l’urtimo piatto me lo magno in piedi!

Er mortorio

Aldo Fabrizi

Appresso ar mio num vojo visi affritti,
e pe’ fa’ ride pure a ‘ st’occasione
farò un mortorio con consumazione…
in modo che chi venga n’approfitti.

Pe’ incenso, vojo odore de soffritti,
‘gni cannela dev’esse un cannellone,
li nastri –sfoje all’ovo e le corone
fatte de fiori de cocuzza fritti.

Li cuscini timballi de lasagne,
da offrì ar momento de la sepportura
a tutti quelli che “sapranno” piagne.

E su la tomba mia, tutta la gente
ce leggerà ‘sta sola dicitura:
Tolto da questo mondo troppo al dente”.

Er sogno

Aldo Fabrizi

Me pareva de sta su ‘na montagna,
e urlavo in un megafono spaziale:
Popolazione mia che campi male,
accostate qua sotto che se magna.?

Poi come fussi er Re de la Cuccagna
buttavo giù, pe’ un’orgia generale,
valanghe de spaghetti cor guanciale,
ch’allagaveno tutta la campagna.

E vedevo signori e poveretti,
in uno sterminato affollamento
a pecorone sopra li spaghetti.

Quann’ecchete, dar cielo, sbuca Dio,
co’ un forchettone in mano e fa: Un momento…
Si permettete ce sto pure io! ?.

La creazione

Aldo Fabrizi

Dio disse: « Mò che ho fatto Cielo e Tera,
domani attacco Luce e Firmamento,
mercoledì fò er mare, doppo invento
farfalle e fiori pe’ la Primavera.

Pe’ giovedì fò er Sole, verso sera
fò li Pianeti, er Fòco, l’Acqua, er Vento,
così se venerdì nun vado lento,
faccio sabbato ingrese e bònasera! »

Finì defatti er sabbato abbonora.
« Mò » disse « vojo vede chi protesta
dicenno che er “Signore” nun lavora…

Ho sfacchinato quarant’ore… basta!
Domani ch’è domenica fò festa…
e prima de fa’ Adamo fò la Pasta! »

 

Indolenza romana

Aldo Fabrizi

L’autentico romano è questo qui:
risparmia er fiato ar massimo che po’,
dondola la capoccia pe’ di’ “No!”
e abbassa l’occhi si ha da di’ de sì.

Pe’ risponne ar telefono fa: “Si…”
Si ha da chiama’ quarcuno, strilla: “Aò!”
E quanno co’ le mano forma un “O”
vordì du’ occhi o un bucio da ingrandì.

Invece si le mano, in quella posa,
pe’ due tre vorte l’arza e le riabbassa,
vò intenne che s’è rotto quarche cosa.

Insomma li romani, bontà loro,
so’ così igri ch’a ‘gni nòva tassa
dicheno solamente “tacciloro!”

La notte di Natale

Aldo Fabrizi

Ier sera,
a mezzanotte meno ‘n quarto,
uscenno pè la messa de Natale,
m’è capitato un fatto..
un fatto tale,
che non so come non me pija un infarto.
All’ultimo ripiano,
all’improviso,
me so’ urtato de fianco,
con un vecchio impalato addosso ar muro
e margrado in quer punto fusse scuro,
vedevo bene solamente il viso
incorniciato da un barbone bianco,
la parete scura dove stava appoggiato,
a poco a poco è diventata azzura.
-“Io so’ papà Natale”- m’ha spiegato
-“lo stesso de quann’eri regazzino,
de quanno m’aspettavi,
guardanno nella cappa der cammino,
che te portassi quello che sognavi.
Sino a quarch’anno fa, quanno arivavo io,
se respirava er bene assieme all’aria
e l’ommeni de bona volontà,
senza la malattia contestataria,
credeveno alla nascita de Dio,
mo co’ ‘sta libbertà confusionaria,
c’è tanta gioventù che stenta a crede
e mette in discusione er fonnamento de’la religione,
giocannose er conforto de’la fede,
purtroppo anno pè anno
la vita sta cambianno,
pre esempio li pupetti, mo vonno:
er mitra, e’ razzo, l’aprioggetti,
er casco d’alluminio,
l’abitacolo pè annà a scoprì un pianeta
e la stella commeta
che illuminò la notte der miracolo
per annuncià er messia,
pè ricordalla non ce sta poeta,
purtroppo hanno ammazzato la poesia.”-
Ho arzato l’occhi ar cèlo
come pè dì..”ce penserà quarcuno”..
quanno l’ho riabbassati,
avanti a me nun c’era più nesuno,
c’era solo un sacchetto, un cartoncello
co’quarche giocarello cascato giù per tera,
un cavalluccio a dondolo, un tamburo,
‘na sciabbola, ‘na tromba, ‘n bambolotto,
un sordatino cor fucile rotto
assieme a ‘no straccetto tricolore,
robbetta antica senza più valore.
Le campane de Roma in quer momento
hanno detto fra poco è mezzanotte
non fate tardi al vecchio appuntamento,
ma doppo que’ rondò de pace e bene
c’è stato ‘no scombussolo,
la notte s’è riempita de urli e de sirene
e va a capì chi fosse
o pompieri o pantere o crocerosse,
mentre stavo così,
c’è stata pè guastamme la nottata,
un’antra novità, la messa bitte
difatti da ‘na chiesa quà vicino
me arivato un fracasso indiavolato
de batterie, sassofoni, chitare,
che avrà fatto tremà Gesù bambino
e tutte le fiammele de’l’artare,
entranno a casa,
ho messo er catenaccio dicenno
-“Mo che faccio..”- poi ho detto
-“..perdoneme Gesù, si pregherò quàssù”-
e pensanno l’armonium effatato,
sentivo er sono più scommunicato
e mentre che a’la radio
parlava er Santo Padre,
io me so’ inginocchiato
davanti all’artarino
de mi madre.

 

La panzanella

Aldo Fabrizi

E che ce vo’
pe’ fa’ la Panzanella?
Nun è ch’er condimento sia un segreto,
oppure è stabbilito da un decreto,
però la qualità dev’esse quella.
In primise: acqua fresca de cannella,
in secondise: ojo d’uliveto,
e come terzo: quer di-vino aceto
che fa’ venì la febbre magnarella.
Pagnotta paesana un po’ intostata,
cotta all’antica,co’ la crosta scura,
bagnata fino a che nun s’è ammollata.
In più, per un boccone da signori,
abbasta rifinì la svojatura
co’ basilico, pepe e pommidori.

 

Mi padre me diceva

Aldo Fabrizi

Mi’ padre me diceva: fa’ attenzione
a chi chiacchiera troppo; a chi promette
a chi dopo èsse entrato, fa: “permette?”;
a chi aribbarta spesso l’opinione
e a quello, co’ la testa da cojone,
che nu’ la cambia mai; a chi scommette;
a chi le mano nu’ le strigne strette;
a quello che pìa ar volo ogni occasione
pe’ di’ de sì e offrisse come amico;
a chi te dice sempre “so’ d’accordo”;
a chi s’atteggia come er più ber fico;
a chi parla e se move sottotraccia;
ma soprattutto a quello – er più balordo –
che, quanno parla, nun te guarda in faccia.

Sacrilegio

Aldo Fabrizi

Oggi se pranza in piedi in ogni sito;
er vecchio tavolino apparecchiato,
che pareva un artare consacrato
nun s’usa più: la prescia l’ha abolito.

‘Na vorta er pranzo somijava a un rito,
t’accommodavi pracido e beato,
aprivi la sarvietta de bucato…
un grazie a Cristo e poi… bon appetito!

Nò nun c’è tempo de mettesse a sede,
la gente ha perso la cristianità
e magna senz’amore e senza fede.

E’ proprio un sacrilegio: invece io,
quanno me piazzo a sede pe’ magnà,
sento ch’esiste veramente Dio!

Povera panza mia

Aldo Fabrizi

Calà de peso è utile e conforta
perchè riempie de soddisfazione,
ma ‘sto riempimento è un illusione
che la panzetta mia nun la sopporta.

Si brontola più forte, quarche vorta,
quel brontolio me dà la sensazione
che le budella vanno in processione
cantanno er coro de la panza morta.

Così ho pensato a facce tatuà
un paro de posate messe a croce
e su la croce ‘st’epitaffio qua:

«Dopo una vita onesta e attrippatella,
stroncate dalla dieta più feroce
quì riposeno in pace le budella.»

Spaghetti ar primo sole (Io e mi moje)

Aldo Fabrizi

Doppo ‘na festa caciarona e sciarba,
Fatta de zompi, battimani e fischi,
Sostanno a le fontane e a l’obbelischi,
Un po’ allegrotti ricasamo all’arba.

Dico: “Però ‘sti cotijò che barba…
Quant’era mejo qui cor magnadischi..
A proposito… Forse… È stato er vischi…
Volemo fa ‘na cosa che ci aggarba?”

“Sarebbe?” “Du’ avvorgibbili… A la lesta!”
“La pasta a ‘st’ora? Pe’ l’amore de Dio!
L’ho sempre detto che sei scemo in testa!”

“Vabbè sò scemo… E tu… Si quanno è fatta…
Nun la gradisci…”; “Eh, no tesoro mio;
Si tu sei scemo io mica sò matta!”

 

Sofisticazioni

Aldo Fabrizi

L’usanza de li tempi de Lucullo
de liberasse con un dito in gola,
nun serve più, la panza fa da sola…
e se ribella ar genere fasullo.

Per? l’Annona marcia come un rullo
e quanno un da magnà nun je sfaciola
sequestra, fa l’analisi pignola,
denuncia… e poi finisce a mecce nullo.

E stamo ar punto che pe’ ricchi e poveri,
co’ tutte l’ispezioni dell’Igiene,
nun c’è sta posto manco a li ricoveri.

Nell’Ospedali nun ce va più uno,
Pronti Soccorsi e Cliniche so’ piene…
Ma carcerato nun ce va nesuno!

 

Un giorno da leone

Aldo Fabrizi

Quanno la cinquantina è superata,
s’ammonisce la massima attenzione,
leggero a cena, niente a colazione
e l’ottantina è quasi assicurata.

Ma oggi che se campa a la giornata,
chi la rispetta più ‘st’ammonizione?
E’ mejo a vive un giorno da leone
che trent’anni da pecora affamata.

Chi conta li bocconi e le bevute
e se controlla da matina a sera,
finisce pe’ fregasse la salute.

E poi je po’ succede, sarvognuno,
che, nun sia mai, rischioppa n’antra guera,
arischia pure de morì a digiuno.

 

Lulù
nel cielo blu
non brillano più
le stelle lassù
se tu vai laggiù

lulù
la gioventù
sfiorisce quaggiù
perchè manchi tu
ToTo ToToTo

non mi guardano più
quegli occhioni tuoi blu
non mi ridono più
quei dentoni tuoi blu

dimmi forse nel tuo cuore
c’ è nascosto un altro amore
dimmi infrangi il mio dolore
dimmi dimmi se c’è alcun
vorrei gettarmi ai piedi tuoi
nel mio soffrire
ma a star vicino ai piedi tuoi
si può morire

(….ao.. sta’ camicia .. me stringe..)

amor
mio gran tesor
per te soffrirò
per te piangerò
per te insecchirò …..(magari)

amor
singhiozza il cor
perchè soffre ogn’ or
perchè s’offre ogn’ or
perchè s’ offre’gn’ o(n)r…

non mi stra… (aspetta l’ho presa male…)
non mi stra….
non mi straziano più(mannece Villa!!)
i capelli tuoi blu
non mi sfiorano più
le ginocchia tue blu

se nei frizzi tuoi mordaci
mi deridi e non mi baci
taci dunque, dunque taci
taci dunque, ‘ta(c)ci tu
si, del mio cuore fanne pure
quel che vuoi
però non dirmi i frizzi più
mor(t)daci tuoi

sono pazzo gìà da un pezzo
già da un pezzo sono pazzo
se mi spregi io m’ammazzo
se m’ammazzo morirò
ma che m’importa
se il tuo amore è una follia
ah! ah! ah! ah! …
io voglio bene
solamente ……….ao …a …a… io non lo farebbe …
…ma perché…..ma che lo fai a fa’ il finale
,., io ve saluto

 

Aldo Fabrizi (all’anagrafe Fabbrizi)[1] (Roma, 1º novembre 1905Roma, 2 aprile 1990) è stato un attore, regista, sceneggiatore, produttore e poeta italiano.

Attore intenso e versatile, nel corso della sua carriera ha avuto modo di misurarsi sia in ruoli comici che drammatici. È stato inoltre, insieme ad Alberto Sordi e Anna Magnani, una personalità essenziale per quanto riguarda la rappresentazione della romanità nel cinema[2].

Biografia

Di umile famiglia (la madre gestiva un banco di frutta e verdura in Campo de’ Fiori), Fabrizi nasce al Vicolo delle Grotte numero 10 (dove ancora oggi esiste una targa commemorativa). All’età di undici anni rimase orfano del padre Giuseppe, vetturino, morto per una polmonite fulminante, contratta cadendo con cavallo e carretto in un fosso romano. Costretto ad abbandonare gli studi per contribuire al sostentamento della numerosa famiglia, che comprendeva anche cinque sorelle – tra le quali Elena Fabrizi (19151993), in seguito soprannominata Sora Lella – si adattò a fare i lavori più disparati.

Gli esordi

Nonostante le difficoltà, la vocazione artistica di Fabrizi non rinunciò ad esprimersi: pubblicò nel 1928 nelle edizioni della Società poligrafica romana (non si sa se a proprie spese) un volumetto di poesie romanescheintitolato Lucciche ar sole, che riuscì a far recensire sul quotidiano Il Messaggero,[3] e partecipò inoltre alla redazione del giornale dialettale Rugantino. Nello stesso periodo cominciò a calcare le scene, prima con la Filodrammatica Tata Giovanni, poi come dicitore in teatro delle sue stesse poesie, come era ancora uso in quegli anni[4]. Nel 1931, a 26 anni, esordì come macchiettista nei piccoli teatri della capitale e in giro per l’Italia, insieme con la compagna “Reginella”, con il nome di “Fabrizio” comico grottesco romano, proponendo caricature dei tipi caratteristici romani: il vetturino, il conducente di tram e lo sciatore. Divenuto in breve tempo popolare, costituì una propria compagnia che, nel 1937, vide transitare per breve tempo un imberbe Alberto Sordi.

Attore e regista cinematografico

Aldo Fabrizi nei panni di don Pietro nel capolavoro neorealista di Rossellini, Roma città aperta (1945)

Nel 1942 fece il suo esordio sul grande schermo con un film diretto da Mario Bonnard, Avanti c’è posto. Anche nelle due pellicole seguenti, Campo de’ fiori, sempre diretto da Bonnard, e L’ultima carrozzella per la regia di Mario Mattoli, si limitò a riproporre le macchiette che aveva già interpretato a teatro – rispettivamente quelle del bigliettaio, del pescivendolo e del vetturino – accanto ad Anna Magnani, con la quale avrà un rapporto conflittuale.

In queste tre interessanti pellicole vi sono discorsi, battute e situazioni tipici di una Roma oramai sparita. Anche il dialetto romanesco usato da Fabrizi è, per certi versi, figlio di un modo di parlare ormai desueto. Nel film L’ultima carrozzella girato nell’estate del 1943, in piena seconda guerra mondiale, tra gli attori troviamo alcuni esponenti celebri del dialetto e della canzone romanesca del Novecento, quali Romolo Balzani, Gustavo Cacini e Anita Durante, altra stella ormai tramontata di quel variegato e onesto firmamento di attori che recitavano in vernacolo romanesco.

Si noti che durante l’Anno Santo del 1925 a Roma Aldo Fabrizi, per un certo periodo, lavorò davvero come vetturino. Si dice che lo spolverino[5] e il berretto indossati nella pellicola del 1943 fossero gli stessi da lui usati in quella precedente, giovanile esperienza. Anche Federico Fellini, all’epoca ancora giovane e sconosciuto, lo aiuterà nella sceneggiatura. Storia diversa, invece, col film che apre ufficialmente la corrente neorealista, Roma città aperta di Roberto Rossellini, dove interpretò il ruolo più significativo ed intenso della sua carriera, ispirato alle figure dei sacerdoti romani don Giuseppe Morosini e don Pietro Pappagallo entrambi fucilati nel 1944, durante l’occupazione nazista della capitale, il primo a Forte Bravetta, il secondo alle Fosse Ardeatine.

Si dedicò anche, in maniera saltuaria, al doppiaggio: sue sono le voci di Giuseppe Varni, il bidello della scuola femminile nel film Maddalena… zero in condotta (1940) e di Gino Saltamerenda, il netturbino che aiuta Lamberto Maggiorani ed il piccolo Enzo Staiola a cercare la bicicletta rubata, nel mercato di Porta Portese, in Ladri di biciclette (1948), entrambi diretti da Vittorio De Sica.

Da rammentare la sua interpretazione nel film di Blasetti, Prima comunione (1950), che fu premiata con un Nastro d’argento al migliore attore protagonista (il secondo Nastro d’argento lo vincerà nel 1975 per un ruolo secondario nel film C’eravamo tanto amati, di Ettore Scola). Da quel momento interpretò poco meno di settanta film, ottenendo spesso un buon successo, senza disdegnare ruoli drammatici, ma privilegiando sempre ruoli brillanti e comici, nei quali manifestò una naturale carica di bonaria umanità che lo accompagnerà durante tutta la sua carriera.

Da ricordare in particolare i film interpretati con Totò (Guardie e ladri del 1951, Una di quelle del 1953, I tartassati del 1959, Totò, Fabrizi e i giovani d’oggi del 1960, Totò contro i quattro del 1963) e con Peppino De Filippo (Signori, in carrozza! del 1951, Accadde al penitenziario del 1955 e Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo del 1956), con i quali diventerà uno dei protagonisti più importanti della commedia all’italiana. Fabrizi era particolarmente legato con Totò da una profonda stima e amicizia, lui stesso affermò: “Lavorare con Totò era un piacere, una gioia, un godimento perché oltre ad essere quell’attore che tutti riconosciamo era anche un compagno corretto, un amico fedele e un’anima veramente nobile… Arrivati davanti alla macchina da presa, cominciavamo l’allegro gioco della recitazione prevalentemente estemporanea che per noi era una cosa veramente dilettevole. C’era solamente un inconveniente, che diventando spettatori di noi stessi ci capitava frequentemente di non poter più andare avanti per il troppo ridere.”[6]

Aldo Fabrizi con Totò in una scena di Guardie e ladri (1951), di Steno e Monicelli

Lavorò pure con il grande regista del muto Georg Wilhelm Pabst in due film: La voce del silenzio del 1953 e il bizzarro Cose da pazzi del 1954, dove interpretò quello che, sicuramente, resta il ruolo più particolare della sua carriera: un matto che crede di essere un primario ospedaliero. Tra il 1948 e il 1957 diresse anche nove film, tutti dignitosi, a partire da quello d’esordio, girato in Argentina, Emigrantes (1948), alla trilogia sulle avventure della famiglia Passaguai, della quale fu anche produttore per la sua Alfa Film XXXVII, ad Hanno rubato un tram (1954), girato a Bologna con la fotografia del grande Mario Bava, pure questo riemerso nel 2005 in DVD, fino all’accorato e malinconico Il maestro (1957), la sua ultima regia.

Sul palcoscenico

Aldo Fabrizi nel film C’eravamo tanto amati (1974), di Ettore Scola

Sul palcoscenico del Teatro Sistina, nella stagione 19621963, ottenne un grande successo personale interpretando il ruolo del boiapapalino Mastro Titta nella commedia musicale Rugantino scritta e diretta da Garinei & Giovannini, Massimo Franciosa e Pasquale Festa Campanile. Il grande trionfo fu completato da una memorabile trasferta negli Stati Uniti, a Broadway, dove lo spettacolo registrò sempre il tutto esaurito. L’ultima sua apparizione teatrale è del 1967, con lo spettacolo Yo-Yo Yè-Ye scritto da Dino Verde e Bruno Broccoli. Ritornerà ad interpretare Mastro Titta in Rugantino nell’edizione 1978 della commedia.

Per il Teatro Verdi (Trieste) nel 1970 è Zanetto Pesamenole (Donna Pasqua) ne Al cavallino bianco con Tony Renis, Sandro Massimini e Graziella Porta nel Teatro Stabile Politeama Rossetti.

In televisione

Sul piccolo schermo esordì nel 1959, come interprete dello sceneggiato di Leopoldo Cuoco e Gianni Isidori La voce nel bicchiere, diretto da Anton Giulio Majano. Per molto tempo, preso da impegni cinematografici e teatrali, sarà questo il suo unico lavoro televisivo, fino al 1971, quando ottenne un altro grande trionfo nel varietà del sabato sera Speciale per noi diretto da Antonello Falqui, accanto ad Ave Ninchi, Paolo Panelli e Bice Valori, che è anche l’unica testimonianza visiva rimasta delle sue macchiette teatrali. L’ultima apparizione televisiva avvenne nel corso del G. B. Show, in onda su Raiuno, il 27 agosto 1987, in cui ripropose da Rugantino: ‘na donna dentro casa è ‘n antra cosa.

L’hobby della cucina

Di buona forchetta come l’amico e collega Ugo Tognazzi, coltivava l’hobby della gastronomia e amava in modo particolare gli spaghetti con aglio, olio e peperoncino. Sulla pasta e le sue tante e diverse ricette scrisse anche alcune poesie in dialetto romanesco.

« Magnà e dormì So’ du’ vizietti, me diceva nonno,

che mai nessuno te li pò levà,

perché so’ necessari pe’ campà

sin dar momento che venimo ar monno.

Er primo vizio provoca er seconno:

er sonno mette fame e fà magnà,

doppo magnato t’aripija sonno

poi t’arzi, magni e torni a riposà.

Insomma, la magnata e la dormita,

massimamente in una certa età,

so’ l’uniche du’ gioje de la vita.

La sola differenza è questa qui:

che pure si ciài sonno pòi magnà,

ma si ciài fame mica pòi dormì. »

(Una poesia romanesca di Aldo Fabrizi)

Gli ultimi anni e la morte

La tomba di Aldo Fabrizi al Cimitero del Verano

Fabrizi, sposato con Beatrice Rocchi, cantante di varietà molto nota negli anni venti col nome d’arte di Reginella, dalla quale ebbe due figli gemelli, Massimo (19322016) e Wilma, rimase vedovo nell’estate del 1981. Abitava a Roma in via Arezzo, nel quartiere Nomentano, nello stesso edificio dell’amica Ave Ninchi.

Morì il 2 aprile del 1990, a 84 anni per una insufficienza cardiaca. Tre anni dopo lo seguì anche la popolarissima sorella, la sora Lella, che aveva recitato nel cinema soprattutto con Alberto Sordi e Carlo Verdone. È tumulato al Cimitero Monumentale del Verano di Roma. Sull’ingresso della cappella è ben visibile la scritta “Aldo Fabrizi” (con una sola B) mentre all’interno, sulla lapide che copre la bara, oltre alle date di nascita e morte, c’è la scritta “Aldo Fabbrizi” (con due B).

Riconoscimenti

Premi cinematografici

Biennale di Venezia

David di Donatello

  • 1988: David alla carriera

Nastri d’argento

Onorificenze

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma, 27 settembre 1977[7]

Teatro (parziale)

Filmografia

Aldo Fabrizi (a destra) in Avanti c’è posto (1942)

Aldo Fabrizi con Anna Magnani nel film Campo de’ fiori (1943)

Aldo Fabrizi nel film Vivere in pace(1947)

Aldo Fabrizi (al centro) in una scena di Vita da cani (1950)

Aldo Fabrizi nei panni del brigadiere Lorenzo Bottoni, in Guardie e ladri(1951)

Aldo Fabrizi con Totò e Ciccio Barbine I tartassati (1959)

Attore

Regista e attore

Opere

  • Lucciche ar sole. Poesie romanesche. Roma, Società poligrafica romana, 1928.
  • Ci avete fatto caso?, Milano, Atlantis, 1942.
  • Mezz’ora con Fabrizi, Milano, Atlantis, 1942.
  • Volemose bene. 3 atti; Hai fatto un affare. 1 atto, con Mario Mattoli e Marcello Marchesi, Roma, Ariminum, 1944.
  • La pastasciutta. Ricette nuove e considerazioni in versi, Milano, A. Mondadori, 1970.
  • Nonna minestra. Ricette e considerazioni in versi, Milano, A. Mondadori, 1974.
  • Nonno pane. Ricette e considerazioni in versi, Milano, A. Mondadori, 1980.
  • Monologhi e macchiette, a cura di Maria Cielo Pessione, Roma, Theoria, 1994. ISBN 88-241-0392-8.
  • Trilogia, a cura di Maria Cielo Pessione, Roma, Audino, 1995.
  • Ciavéte fatto caso?, a cura di Marco Giusti, con VHS, Milano, Mondadori, 2002. ISBN 88-04-49221-X.

Aldo Fabrizi (all’anagrafe Fabbrizi)[1] (Roma, 1º novembre 1905Roma, 2 aprile 1990) è stato un attore, regista, sceneggiatore, produttore e poeta italiano.

Attore intenso e versatile, nel corso della sua carriera ha avuto modo di misurarsi sia in ruoli comici che drammatici. È stato inoltre, insieme ad Alberto Sordi e Anna Magnani, una personalità essenziale per quanto riguarda la rappresentazione della romanità nel cinema[2].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *