UN PO DI ME

To see some photos of our work so that you can see what we are capable of or even
perhaps to get some inspiration, please browse the Gallery area

ALLA FINE

 

Quanno avrò bruciato l’urtima energia

Me stennerò all’ombra de n’cipresso

Darò no sguardo spento pe la via

E lascerò l’affanni che cio addosso

Si ce ripenzo nun me ne rendo conto

Perchè me so dannato tutto er tempo

c’e gente che d’arriva arriva mette er punto

E io coione   invece sempre in campo

lotte , affanni impicci  dar risveglio

sognando un pomeriggio meno nero

cor resto della sera forse meglio

E che la notte me togliesse  ogni pensiero

Invece era cosi solo drento i sogni

Che ciò avuto giorno e notte

Avessi dato ar monno meno impegni

Avrei dormito sereno e senza lotte

Mo maddormo e guarda come e scuro

Ce davè paura a piene mani

Qui er buio è buio per davvero

E non come er monno de l’umani

Propro mentre sto pe da l’urtimo saluto

Me compare n’tizio tutto arzillo

Che m’attacca na pippa de n’minuto

E me coje tra capo e collo

 me dice “! Co tutti i sòrdi messi ar pizzo

Dovrei annamene propr’ ora

Io che ho girato er monno come n’pazzo

Alla ricerca de na vita meno amara

L’ho trovata dorce propro adesso

tu nun me sembri na bona compagnia

E io nun vojo l’ombra der cipresso

giro i tacchi e ritorno pe la via”

Mentre sto coso parla come npazzo

Me viene n’mente er posto dove stamo

“Qui nun ce dato de sceie propro n’cazzo

Sta zitto che te spiego dove annamo

Laggiù ce nposto co tanta luce

Cormo de silenzio e de anime contente

Li se pensa solo a dasse pace

E a cullasse l’anima e la mente

E poi  la vita nun se sceje manco pe na vorta

nun c’e dato de provalla ancora

Nun sta a guardà se e lunga o corta

La vita e vita anche se finisce ora”

ROMA AMICA MIA 

 

Quanno che mallontano da l’eterna Roma

me Pija nfarafallio drento ar core

che ogni vorta me fa male e nun se doma

Pè quanto è strano e bello questo amore

Ce sta er chiasso è vero e nun lo nego

Ce stanno pure li cafoni tra la gente

ma con n’po de tempo ve lo spiego

e ve convinco che sti difetti nun so gnente

Quanno che la sera ritorni dar lavoro , stanco

tenfili è vero n’mezzo a un gran casino

se sgommita , se lotta ten’cazzi anco

ma quanno guardi er cielo vedi er sereno

Se poi te giri e guardi a lato

Sorridi ar Colosseo bello e onnipotente

che sta lì sempre beato

arto , grosso e risplendente

Nun fai ntempo a spegne quel sorriso

che te ritrovi a mostrá er fianco a caracalla

fai nartro passo e penzi è n’ Paradiso

perchè qui anche quanno é freddo er sole te riscalla

C’è tutto er tempo de beasse

a guardá la vita , che passa lentamente

perché è vero che de l’antico so rimaste le carcasse

ma a camminacce sopra , er passato qui è il presente

Aivoja a dì che er monno è grande e grosso

E che ce so altri posti che la gente sennamora

Tu parti , voli giri a più non posso

Ma poi ce torni a Roma ,ce torni ancora

Per questo amico mio nun sengannamo

Sto nodo che me pija sempre ngola

Testimogna che dovunque annamo

De Roma ce nè una e una sola !