PLATONE

PLATONE

PLATONE

«Quando un popolo divorato dalla sete di libertà si trova ad aver coppieri che gliene versano quanta ne vuole, fino ad ubriacarlo, accade che i governanti pronti ad esaudire le richieste dei sempre più esigenti sudditi vengano chiamati despoti.

Accade che chi si dimostra disciplinato venga dipinto come un uomo senza carattere, un servo.

Accade che il padre impaurito finisca col trattare i figli come suoi pari e non è più rispettato, che il maestro non osi rimproverare gli scolari e che questi si faccian beffe di lui, che i giovani pretendano gli stessi diritti dei vecchi e per non sembrar troppo severi i vecchi li accontentino.

In tale clima di libertà, e in nome della medesima, non

v’è più rispetto e riguardo per nessuno.

E in mezzo a tanta licenza nasce, si sviluppa, una mala pianta:

la tirannia».

 

                    PLATONE 427 ac – 347 ac